fbpx

IN

PROMOZIONE

IN

EVIDENZA

I Giorni di Napoleone

5 Giorni - 4 Notti
TIPOLOGIE

Avventura

DIFFICOLTÀ

Minima

NUM. MIN.

10 partecipanti

da 420

5 Maggio 1821: Napoleone Bonaparte muore nel suo esilio di Sant’ Elena, lontano da quell’ Europa che fu teatro dell’espansione del suo potere politico tra fine ‘700 e prima decade dell’ 800

 

Nel bicentenario della morte di Napoleone vi proponiamo un itinerario sulle tracce del suo passaggio nelle Marche, che svolsero un ruolo fondamentale per l'espansione politica del generale corso in Italia, segnando l’inizio e la fine del suo potere sul territorio italiano: a Tolentino infatti con la pace del 1797 stipulata con il Papa Pio VI iniziò l’occupazione francese dello Stato Pontificio, fino alla proclamazione della Repubblica Romana prima e al Regno d’ Italia poi; e sempre Tolentino fu teatro di quella battaglia della Rancia nel 1815 fra esercito austriaco e truppe di Gioacchino Murat che segnò la fine del dominio napoleonico in Italia.
Un periodo di più di 15 anni che vide anche la diffusione di quegli ideali di libertà, uguaglianza figli della rivoluzione francese che porteranno anche nelle Marche alla diffusione della Carboneria esplosa nei moti Risorgimentali che proprio nelle Marche ebbero la prima manifestazione nel 1817.

 

PERIODO 29/05-02/06 2021

 

29/05 MONTECASSIANO
Arrivo in hotel nel primo pomeriggio con mezzi propri: la struttura 4* è stata ricavata da dimora storica appartenente fino a inizio ‘900 ai conti Perozzi, di cui il conte Giuseppe era podestà di Macerata durante l’invasione di Murat nel 1815, condividendone gli ideali tanto da incitare pubblicamente con proclama i giovani ad aderire all’esercito napoletano; con restaurazione pontificia fu destituito ma continuò nella carboneria (dopo di lui i figli) che sfociò nei moti del 1817 e 1821. Check-in in hotel e sistemazione nelle camere riservate. Tempo a disposizione. Cena libera e pernottamento
30/05 ANCONA/ PORTONOVO
Colazione in hotel. Trasferimento con mezzo privato ad ANCONA e visita guidata della città, presidio importante per l’esercito francese in entrambe le campagne napoleoniche in Italia, dalla dichiarazione della Repubblica Anconitana (27 nov 1797) all’annessione alla repubblica Romana: la Cattedrale di San Ciriaco con il Dipinto della Madonna di tutti i Santi, che secondo la tradizione mosse gli occhi all’ inizio dell’occupazione francese, anche di fronte a Bonaparte, che impallidì e diede ordine di rimettere il quadro al suo posto insieme a tutte le ricchezze annesse che erano state depredate; il Parco del Cardeto, al cui interno si trovano il Bastione San Paolo, il vecchio Faro, di origine ottocentesca, la Polveriera Castelfidardo, il Forte Cardeto e quello dei Cappuccini che rendono l’idea di come era murata e difesa la città nell’800 ed il cimitero ebraico, uno dei meglio conservati in Europa, testimonianza del ruolo attivo della comunità ebraica in funzione anti pontificia, memori delle persecuzioni subite in passato; il Porto, teatro dell'assedio della flotta turco-inglese e del devastante bombardamento navale contro i francesi. Al termine della visita trasferimento a Portonovo e pranzo al Fortino napoleonico; pomeriggio visita della baia con il Fortino, la Torre di Guardia e l’ Abbazia di Santa Maria. Rientro in hotel, cena libera e pernottamento
31/05 LORETO / OSIMO
Colazione in hotel. Mattina trasferimento a LORETO, la città che più di altre subì il saccheggio da parte dell’esercito francese occupante che non risparmiò neanche della Statua della Madonna Nera, trasferita al Louvre e restituita solo dopo alcuni anni. A Loreto ci fu l’attentato a Napoleone che forse avrebbe cambiato la storia: un uomo dal bastione a Porta Romana sparò un colpo di fucile per uccidere il corso, ma il fucile si inceppò, facendo fallire il tentativo. Visita della città. Pranzo libero. Pomeriggio visita di OSIMO: il Duomo di San Leopardo, Santuario di San Giuseppe da Copertino, il Palazzo Comunale con le famose sculture acefale, e soprattutto le Grotte, una fitta rete di gallerie, cunicoli ed ambienti sotterranei scavati a più livelli. Rientro in hotel. Tempo a disposizione. Cena libera e pernottamento
01/06 MACERATA / TOLENTINO
Colazione in hotel. Mattina visita di MACERATA: da sempre presidio pontificio ma anche sede diffusione idee giacobine tanto che proprio a Macerata ebbero luogo i moti del 1817, primi tentativi risorgimentali in Italia. Visita guidata di Macerata: il Palazzo Buonaccorsi, la Biblioteca storica Mozzi-Borgetti e lo Sferisterio. Pranzo libero. Pomeriggio trasferimento a TOLENTINO e visita della cittadina, luogo centrale per le campagne napoleoniche in Italia: qui ebbe luogo nel 1797 il trattato di pace del giovane generale con il Papa, che diede inizio alla prima campagna in Italia; qui ebbe luogo nel 1815 la Battaglia della Rancia che sancì la fine della presenza napoleonica in Italia. Visita della Basilica di San Nicola, del Palazzo Parisani-Bezzi dove fu firmato il trattato del 1797 (purtroppo visita solo esterna causa palazzo inagibile x terremoto 2016); del Castello della Rancia con teatralizzazione attoriale Al termine rientro a Villa Quiete. Cena libera e pernottamento
02/06 PARTENZA
Colazione in hotel. Check-out e fine dei servizi

DURATA

5 Giorni - 4 Notti

PARTECIPANTI

Minimo 10

QUOTA INDIVIDUALE

da 420

LA QUOTA COMPRENDE

4 pernottamenti in hotel 4* (dimora storica) in camere classic con servizi privati

trattamento di pernottamento e colazione

1 pranzo presso Ristorante Fortino Napoleonico

Nr 3 visite guidate intera giornata privato per il gruppo

Nr 1 teatralizzazione attoriale al Castello della Rancia di Tolentino il 4°gg

Servizio di Trasporto privato esclusivo durante le visite e le escursioni previste dal programma

Assistenza h24

Assicurazione medico-bagaglio

LA QUOTA NON COMPRENDE

Trasporto in arrivo e partenza all’hotel

I pasti e le bevande ai pasti se non espressamente indicati

Gli ingressi ai musei e nei luoghi di visita

Eventuali supplementi per alta stagione o festività locali

Tassa di soggiorno

Eventuale assicurazione annullamento (facoltativa)

Tutto quanto non indicato alla voce “la quota comprende”